Scoop: scoperta la vera causa del crash delle cripto

Scoop: scoperta la vera causa del crash delle cripto

Lunedi un profilo semi anonimo di Medium ha pubblicato le prove che il recente forte ribasso delle cripto è stato causato dalla manipolazione dei futures nella piattaforma Okex.

L’articolo spiega che Okex, unico exchange ad aver listato dei futures su entrambi i fork di bitcoin cash PRIMA che questi venissero rilasciati, ha modificato gli indici di riferimento dei prezzi dei due fork per fornire quotazioni non veritiere e scatenare una copertura short da parte dei suoi utenti, rafforzata da una temporanea interruzione delle operazioni.

Tutte le tappe della complessa manipolazione sono spiegate nell’articolo già citato.

Quello che vorrei rimarcare qui sono alcune importanti considerazioni.

Di fronte alle prove di questa truffa, molti si sono chiesti perché mai Okex metterebbe a rischio la reputazione verso i suoi utenti, danneggiandoli con una mossa sottobanco che sembra andare contro i suoi stessi interessi.

La risposta a questa domanda è semplice:

  1. storicamente, nessun exchange colto sul fatto di una manipolazione ha mai avuto una riduzione dei suoi utenti. Sembra che alla gente non importi usare una piattaforma poco affidabile, oppure siamo ormai rassegnati al fatto che tutti gli exchanges fanno lo stesso.
  2. Ma ancora piu’ importante è che Okex, come molti altri exchanges, ha aumentato i servizi per la clientela istituzionale, la quale non viene danneggiata da questi ribassi improvvisi, quindi puo’ permettersi di operare manipolazioni verso il basso che non scalfiscono i rendimenti di questa nuova clientela, anzi, li alimentano.

Questi clienti istituzionali infatti, investono negli exchanges sfruttando una corsia preferenziale, dotata di bot che automatizzano le transazioni long e short. Quindi sono in grado di avere rendimenti in entrambe le direzioni e non sono interessati (come noi comuni mortali) ai trend a rialzo di lungo termine.

L’insolita manipolazione condotta da Okex è quindi molto piu’ che un “evento di cronaca” come tanti nella storia delle cripto.

Al contrario, è il sintomo di un cambiamento profondo di questo mercato.

Indica infatti che il profilo dell’exchange-tipo non è piu’ quello a cui siamo abituati, ma ha subito una mutazione genetica.

Una volta gli exchanges avevano l’esigenza di richiamare masse crescenti di traders, attirandoli con manipolazioni verso l’alto, che davano l’impressione di un mercato in crescita, carico di promesse.

Oggi invece i maggiori exchanges strizzano sempre piu’ l’occhio ai clienti istituzionali, ostentando disinteresse verso le bolle a rialzo e, nei casi estremi come Okex, operando addirittura manipolazioni di segno opposto rispetto a quelle di una volta.

Gli exchanges che adottano questa mentalità si accontentano di provocare brevi oscillazioni in alto o in basso, sufficienti a produrre utili per i loro clienti istituzionali, ma certo poco redditizi per chi investe a lungo termine (i famosi “hodlers”) e di sicuro insufficienti a produrre trend a rialzo di ampio respiro (detto per inciso: siamo stati lungimiranti a proporre ai nostri abbonati il nostro servizio “Income Intelligence” che sfrutta proprio queste oscillazioni per produrre ottimi rendimenti).

Ne abbiamo appena avuto una dimostrazione.

Pochi giorni fa, il fork di bitcoin cash stava per produrre un breve, ma importante ciclo rialzista. C’erano tutte le premesse giuste…

Un tempo, gli exchanges ci sarebbero andati a nozze e avrebbero sostenuto la formazione di questo trend con degli “aiutini” sottobanco.

Oggi invece, per la prima volta, siamo stati messi di fronte alla dura realtà:

nessun exchange ha sostenuto il rialzo; anzi, per la prima volta, un grande exchange lo ha affossato…

E come in un minuetto coordinato, a seguito di questo crash del mercato la Bakkt (la piattaforma del NYSE che dovrebbe quotare per la prima volta bitcoin nella borsa tradizionale americana) ha nuovamente rimandato la tanto attesa quotazione, non piu’ a dicembre (che era a sua volta un rinvio, rispetto alla iniziale scadenza di novembre), ma addirittura a gennaio

Ora, mi chiedo: come fai a non vedere il quadro d’insieme?…

Non ti accorgi che il cerchio dell’establishment si stringe sempre di piu’ attorno a questo mercato?

Rileggiti il nostro articolo di ieri e vedi se le considerazioni scritte li’ non ti sembrano oggi piu’ plausibili che mai…

In quell’articolo avevamo detto che, se aspetti che il NYSE, la SEC o i grandi exchanges di Hong Kong stiano dalla tua parte e creino le premesse per una bolla senza controllo come quelle a cui siamo abituati, credo che resterai deluso.

La bolla ci sarà, certamente, ne siamo convinti. Ma verrà innescata da qualcosa che non ti aspetti e probabilmente non si aspettano neanche loro

Per la prima volta nella storia di BlockchainTop, abbiamo ricevuto delle critiche per quell’articolo.

Evidentemente molti traders si sono fatti influenzare cosi’ tanto dalla narrativa dei media che non vogliono rinunciare a questa illusione.

Per loro, davvero la finanza tradizionale sarà la causa della prossima bolla…

Ma se cosi’ fosse, sarebbe la prima volta nella storia del mercato borsistico…

La finanza tradizionale non crea bolle, semmai cerca di impedirle.

L’inedita manipolazione di Okex conferma ulteriormente questa verità e ci spinge ancora di piu’ a elaborare ipotesi alternative su come potrebbe prodursi la prossima bolla, a dispetto dei sempre piu’ stringenti meccanismi di controllo dell’establishment.

Ci stiamo lavorando… e abbiamo allargato piu’ che mai il nostro campo visivo, cercando di includere nell’analisi molti aspetti macroeconomici solitamente ignorati dai media che si occupano di cripto.

Resta in contatto con noi per conoscere i risultati delle nostre ricerche e, se non lo hai ancora fatto, iscriviti per ricevere GRATIS i nostri articoli sulla tua email, cosi’ non ti sfuggirà nulla.

Alla prossima!

Il team di BlockchainTop News

 

 

 

>
Accedi gratis al report «Guadagnare con le Criptovalute»

Per triplicare il tuo investimento in pochi mesi con questa nuova tecnologia

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro!

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Iscriviti gratis alla Letter «Block Chain News»

Per triplicare il tuo investimento in pochi mesi con questa nuova tecnologia

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro!

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco