Ipotesi controcorrente su come avverrà la prossima bolla di bitcoin

Ipotesi controcorrente su come avverrà la prossima bolla di bitcoin

Da oggi BlockchainTop abbandona per sempre l’idea che l’accettazione di bitcoin da parte del NYSE, della SEC o del Nasaq saranno la causa della prossima bolla nelle cripto.

Chi ci legge regolarmente aveva forse già notato che i nostri ultimi articoli stavano sempre piu’ ridimensionando questa credenza ormai universalmente accettata.

Con questo articolo facciamo un passo in piu’ e ci assumiamo il rischio di dichiarare questa ipotesi storicamente improbabile, con la conseguenza che per noi essa non merita il clamore che i media le stanno creando intorno.

A scanso di equivoci, tengo a precisare che BlockchainTop NON nega assolutamente che la prossima bolla ci sarà.

Stiamo solo dicendo che la bolla NON sarà innescata dalla finanza tradizionale, come oggi si crede, ma da qualcos’altro.

Per spiegare questa nostra nuova posizione, ti dimostrero’ anzitutto che la storia delle bolle precedenti di bitcoin non consente di ipotizzare che il NYSE, la SEC e compagni vogliano e possano causarne un’altra.

Questo ragionamento sarà la premessa per ricercare nuove ipotesi, completamente inedite, su come invece la bolla potrà innescarsi (ipotesi che verranno sviluppate nei prossimi articoli).

Sei pronto per questo salutare cambio di prospettiva?

Bene, cominciamo…

Qual è quell'”ingrediente comune” a tutte le bolle precedenti di bitcoin che una bolla innescata dal NYSE o dalla SEC non potrà mai avere?

Se guardiamo con obiettività le bolle precedenti di bitcoin, avremo quel tipico shock di chi scopre improvvisamente qualcosa che è stata sempre davanti al proprio naso, ma non aveva mai notato.

Oltre a esclamare la tipica frase: “perché non ci avevo mai pensato prima?”, ci verrà anche naturale chiederci: “come diamine è possibile che persone dotate di ragione possano pensare che la finanza tradizionale possa innescare una bolla in questo mercato?”.

Per spiegarti di cosa parlo, mi basta farti un elenco delle bolle precedenti di bitcoin e soprattutto delle loro cause:

  • Bolla del 2011.
    Nonostante bitcoin venisse ancora scambiato in piattaforme poco accessibili alla massa, l’exchange giapponese MtGox ebbe un aumento vertiginoso di transazioni eseguite in bitcoin. Le transazioni provenivano da utenti legati al mercato nero virtuale (il famoso Silk Road, chiuso definitivamente dall’FBI – dopo alcuni tentativi – solo nel 2014) che per un periodo sfruttarono ampiamente la “riservatezza” garantita da questa piattaforma.
  • Bolla dell’aprile 2013.
    Con la versione 0.8, bitcoin era ormai pronto per essere adottato da un numero maggiore di utenti “normali” non legati alla malavita. L’occasione si presento’ con la famosa crisi delle banche Cipriote innescata dall’Unione Europea.
    In quell’esperimento controllato di crisi bancaria infatti, l'”Europa dei popoli” chiuse l’accesso a centinaia di migliaia di persone ignare che avevano conti correnti in banche cipriote, causando una disperata fuga di capitali in cerca di porti sicuri, che si riverso’ per la prima volta anche nel mercato di bitcoin.
  • Bolla del novembre 2013.
    Questa bolla fu causata semplicemente dalla prima vera manipolazione di mercato condotta da un exchange specializzato in cripto. Il solito MtGox infatti, esibi’ un numero enorme di false transazioni automatiche, create da Willy e Marcus, due simpatici bot creati da Mark Karpeles, che innescarono un fittizio aumento di quotazioni che si interruppe solo quando i veri utenti dell’exchange si accorsero di non poter piu’ ritirare i loro soldi dalla piattaforma.
  • Bolla del 2017.
    L’ultima storica bolla di bitcoin ha avuto due cause successive.
    Un primo aumento graduale delle quotazioni avvenne in seguito all’ingresso dei Cinesi in questo mercato.
    La Banca centrale cinese aveva infatti operato una improvvisa svalutazione della moneta nazionale che spinse in massa i Cinesi a uscire dallo yuan per paura che i loro soldi perdessero potere d’acquisto. Anche in questo caso, una parte di quel flusso di denaro si riverso’ su bitcoin.
    La seconda salita verticale delle quotazioni fu causata dal fenomeno delle “ ICO, che coinvolse in tempi brevissimi cosi’ tanti nuovi capitali da innescare un meccanismo deflattivo senza precedenti.

Ora, rileggiti con calma questo elenco e dimmi cosa vedi…

C’è un elemento che accomuna tutte queste bolle: non trovi?

Questo elemento si puo’ esprimere con una parola sola:

IMPREVISTO

Se poi allarghi la visuale al mercato tradizionale e alle sue bolle storiche, non meno clamorose, troverai che non solo in bitcoin, ma anche nei titoli di borsa, le bolle sono per definizione scatenate da eventi del tutto imprevisti.

L’imprevisto è un elemento essenziale delle bolle, di tutte le bolle…

Motivi psicologici e socio-economici rendono quasi inevitabile questa verità.

L’establishment infatti non ama i fenomeni incontrollati, soprattutto nel campo dei soldi. E le bolle sono l’incontrollabile per eccellenza.

Tutto cio’ che il sistema mette in atto serve percio’ a scongiurare l’incontrollabile, non a scatenarlo

Come possiamo pensare quindi che il progetto attuale di integrare bitcoin e poi le altre cripto nella finanza tradizionale possa mai avere come obiettivo quello di creare una bolla?

Pensi davvero che quelli del NYSE o della SEC siano diventati all’improvviso dei sostenitori della speculazione finanziaria?

Al contrario, la trasformazione delle cripto in uno dei tanti settori compiacenti della finanza, doterà le banche centrali e i ministeri di un serbatoio in piu’ (magari piu’ simpatico e accattivante) dove far convogliare i capitali delle masse per evitare che fluiscano in altri settori indesiderati.

Questo processo è sotto gli occhi di tutti e sta subendo un’accelerazione.

Mentre bitcoin viene sempre piu’ incanalato in vettori istituzionali in competizione con quelli indipendenti, per la prima volta, ripple e stellar, le due valute centralizzate e pro-sistema per eccellenza, hanno superato ethereum per numero di transazioni.

Il mercato poi pullula di stablecoin, che in teoria potrebbero creare un valido parcheggio di capitali in alternativa ai depositi bancari.

Ma poi scopri che dietro molte di queste ci sono cartelli bancari (piu’ lungimiranti degli altri, questo si) che si preparano a creare sistemi di circolazione/adozione monetaria alternativi a quelli tradizionali in cui pero’ sono sempre loro a condurre il gioco.

Tutto questo puo’ essere deludente, dal punto di vista di uno storico o un sociologo.

Andiamo verso un mondo in cui le élites al potere perfezionano nuovi modi per controllare i nostri dati e i nostri soldi, usando proprio la tecnologia che fino all’anno scorso prometteva di liberarci da questo controllo.

Se pero’ guardiamo la cosa con gli occhi di “biechi speculatori” quali pretendiamo di essere tutti noi che scriviamo e leggiamo BlockchainTop, abbiamo il dovere di interpretare questa situazione con un approccio distaccato e obiettivo, al solo scopo di trovare occasioni di investimento e rendimento.

Questo ci porta dunque a farci una domanda fondamentale.

Se l’integrazione delle cripto nella finanza tradizionale non innescherà la prossima bolla, come invece tutti pensano, allora cosa potrà scatenare questo evento tanto atteso?

Per trovare la risposta alla domanda, stiamo valutando attentamente la situazione del mercato e quella dell’economia mondiale.

Nei prossimi articoli ti daremo gli scenari possibili della nuova bolla di bitcoin, ipotizzati sulla base di reali fondamentali economici e non sulle suggestioni dei media.

Non perdere gli importanti articoli che stiamo per pubblicare, perché saranno fondamentali per capire la situazione com’è veramente.

E se non lo hai ancora fatto, iscriviti qui per ricevere gratis tutti i nostri articoli al tuo indirizzo email.

Il team di BlockchainTop News

>
Accedi gratis al report «Guadagnare con le Criptovalute»

Per triplicare il tuo investimento in pochi mesi con questa nuova tecnologia

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro!

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Iscriviti gratis alla Letter «Block Chain News»

Per triplicare il tuo investimento in pochi mesi con questa nuova tecnologia

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro!

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco